http://ecologiadellecredenze.it/pensieri-positivi/
Ecologia delle Credenze®

Il potere dei pensieri positivi


pensieri positivi

Nulla di ciò che ci accade succede per caso, ma siamo noi ad attrarlo, ad attrarre tutto senza eccezioni: è questa la famosa legge dell’attrazione e questi sono i pilastri del pensiero positivo.

In effetti anche io credo in questa filosofia di vita e penso che ogni esperienza ci succeda perchè rappresenta un messaggio per noi. Con questa ottica ogni cosa che esperiamo non è ne buona ne cattiva, ne giusta ne sbagliata ma rappresenta un dono poichè ci da degli indizi importanti sulla strada da percorrere nella vita. Possiamo capire per esempio importanti correzioni di traiettoria da implementare per il nostro cammino di vita ideale. Questa filosofia è molto più efficace secondo me del semplice pensare positivo.

In questo articolo esamineremo gli effetti dei pensieri positivi sulla tua vita e ti verranno svelati i modi più efficaci per coltivare i pensieri positivi. Scoprirai che contrariamente a quanto si dice in giro pensare positivo è solo il primo passo e che ci sono tantissimi altri strumenti per rendere la tua Vita un viaggio indimenticabile.

Molte delle nostre sofferenze nascono direttamente dal nostro atteggiamento nei confronti di noi stessi e della vita, dai nostri pensieri negativi, dalle nostre opinioni e dai nostri giudizi.

L’atteggiamento mentale è il pennello della mente: colora tutto quello che si vede.

Per guarire e trovare la pace interiore si deve incominciare a riflettere sul proprio atteggiamento mentale e cambiare il proprio modo di pensare e ci si può riuscire se si inizia a comprendere il vero potere del pensiero e a capire che l’uomo diventa ciò che pensa.

Negli ultimi tempi si è parlato molto di pensiero positivo e di quanto questo sia importante per attrarre quello che vuoi nella tua vita.

La maggior parte delle persone passa la giornata a lamentarsi e a raccontare le proprie sventure della loro vita quotidiana. La maggior parte delle persone sono afflitte da pensieri negativi su quello che gli può succedere di brutto nella vita o sulla piega peggiore che può prendere un avvenimento. Questa è l’essenza del pensiero negativo. Equivale a focalizzare la nostra mente su quello che non vogliamo. Ma siccome la mente lavora per immagini il pensare a quello che non vogliamo equivale ad immaginare le nostre sventure.

Nelle prossime righe ti dirò perché questa è la strada più breve per realizzare la tua sfortuna.

Esiste indubbiamente una correlazione tra ciò che pensi e ciò che effettivamente accade nella tua vita.

Coltivare pensieri positivi equivale a curare il tuo giardino interiore e questo ti aiuterà a sviluppare la serenità e la pace.

Questo video di Luise Hay ti farà capire il potere dei pensieri positivi.

Ho scelto questo video perchè Luise Hay in realtà è stata determinante nella mia vita, il libro “Puoi guarire la tua vita” è stato la scintilla che mi ha permesso di cambiare completamente strada. Questo blog probabilmente non sarebbe mai nato se non avessi letto questo pilastro del pensiero positivo.

Un altro guru del pensiero positivo che ha plasmato la mia vita ed è stato determinante per arrivare dove sono ora e per tutti i successi che ho realizzato è Norman Vincent Peale e questo è uno dei libri che ho apprezzato di più: link!

Molto bello questo video che ho trovato su youtube che parla dei poteri dei pensieri positive e ci fa capire come molto spesso la maggior parte della gente vive nella propria mente e crede che quello che pensa o immagina continuamente (e in maniera a volte ossessiva) sia la effettiva realtà che vive. La conseguenza di questo è che la realtà che vive si trasformerà presto o tardi nella realtà che vive dentro la sua testa:

Il pensiero positivo può rivoluzionare la vita di tanta gente abituata ad un dialogo interno nefasto. Il dialogo interno è fondamentale perchè è come se fosse una lotta tra un diavoletto che ci vuole male e un angioletto che vuole tutto il bene per noi.

Infatti siamo portati a pensare male in merito a situazioni specifiche o sulle intenzioni del nostro prossimo e questo atteggiamento di diffidenza molto spesso ci impedisce di vivere nel migliore dei modi le esperienze e di sfruttare opportunità davvero interessanti che potrebbero cambiare in meglio la nostra vita.

Ma se abbiamo vissuto una vita di esperienze negative e di traumi non sarà facile coltivare pensieri positivi questo perchè la mente funziona per associazioni.

Perchè non è facile per tutti coltivare pensieri positivi?

La nostra mente funziona per associazioni. Per molte persone non è facile coltivare pensieri positivi perchè hanno vissuto esperienze negative nella vita. La mente umana è portata a generalizzare. Pertanto se per esempio una persona si è fidata di un amico e questo amico lo ha tradito, il cervello sarà portato a comportarsi tutte le volte allo stesso modo, sotto la guida del noto adagio “vai a fare del bene agli altri”. Inoltre molto spesso sposiamo delle credenze che ci sono state passate dall’ambiente in cui siamo cresciuti. Il proverbio “fidarsi è bene non fidarsi è meglio” plasmerà la vita di chi ci crede e impedirà a queste persone di coltivare rapporti profondi semplicemente perchè non si fiderà mai fino in fondo del prossimo. Ogni volta che si creerà l’occasione di fidarsi di qualcuno la persona che crede in questo proverbio si auto-boicotterà, perchè sarà guidato dalla sua credenza o dalla esperienza negativa che ha vissuto.

Osservare i propri pensieri

A mano a mano che impari a prestare attenzione ai tuoi pensieri, puoi riuscire a cogliere quelli negativi e limitanti. Il passo successivo è sostituire questi pensieri con altri più positivi.

Diventerai consapevole dei tuoi pensieri e sceglierai fra loro: questo è uno dei primi passi per arrivare a distaccarsi dalla propria esperienza, per sviluppare la facoltà osservatrice che hai dentro di te. Questa è la capacità di fare un passo indietro mentalmente e di limitarsi a guardare ciò che sta accadendo nella tua mente.

Quando impari ad osservare il contenuto della tua mente in questo modo puoi dire che stai conquistando la tua libertà interiore.

Se invece non sei capace di distaccarti dai tuoi pensieri e non riesci a limitarti ad osservarli rimani bloccato.

I pensieri in questo caso hanno il potere su di te. Questo è alla base della nostra reattività emotiva e della sofferenza che in questo momento forse stai provando.

A mano a mano che sviluppi questa capacità di distacco dai tuoi pensieri, ti troverai maggiormente nella posizione di scegliere. Hai raggiunto la capacità e la libertà di scegliere effettivamente cosa desideri pensare e come vuoi usare la tua mente.

Questa tua capacità di distaccarti dai tuoi pensieri crea uno spazio interno nella mente: adesso possono entrare pensieri nuovi, più freschi, che possono portare a una visione della realtà più positiva e sana.

Le regole basilari per formulare correttamente pensieri positivi

Se vuoi incominciare a mettere in pratica il potere dei pensieri positivi è molto meglio farlo nella maniera più efficace possibile evitando errori che potrebbero rendere il tutto vano o controproducente.

In estrema sintesi: per formulare un pensiero positivo efficace bisogna formulare pensieri semplici, potenti dal punto di vista emotivo (ti devono far accaponare la pelle quando li pronunci), espressi in prima persona, al tempo presente e che non contemplino la parola “non”. Queste sono le cinque regole del codice per impattare il subconscio, questa macchina potentissima che tutti abbiamo a disposizione ma che pochi di noi sfruttano.

Il video che segue ti aiuterà a formulare pensieri positivi in maniera corretta. In questo modo sarai sicuro che il tuo impegno sarà investito nella maniera migliore e aumenterai la probabilità di raccogliere i frutti che ti aspetti.

Coltivare i pensieri positivi

Imparare a pensare positivo: come si fa? La maggior parte degli studi e degli studiosi conferma l’ipotesi che pensare positivo è una attitudine e che i programmi che guidano questa attitudine sono registrati a livello subconscio e sono il frutto delle nostre esperienze e del significato che gli abbiamo dato. Quindi ambiente e risposta all’ambiente generano dei significati e delle attitudini che sono memorizzate a livello subconscio.

Il modo migliore per trasformare l’abitudine di pensare negativo e iniziare a generare spontaneamente pensieri positivi è trasformare i programmi subconsci corrispondenti.

Ci sono modi più o meno efficaci per dialogare con il subconscio, in questo video vengono dati alcuni metodi per modificare i pensieri negativi sedimentati nel subcosncio.

I limiti del pensiero positivo

Nel sviluppare la capacità di controllo dei tuoi pensieri ci sono alcune cose che devi tenere in considerazione.

Il pensiero positivo e le affermazioni positive aiutano a riorientare la mente in modo da diventare più ottimisti e da avere più successo ma ci sono dei limiti che sono propri del pensiero conscio (che è alla base del pensiero positivo).

Un approccio alla vita eccessivamente intellettualizzato provoca un distacco da ciò che si prova e si sente e non aiuta ad esprimere il proprio essere emotivo e spirituale più profondo.

Stai usando praticamente per lo più l’emisfero destro e non stai sfruttando la potenza dell’integrazione emisferica che utilizziamo per esempio nelle sessioni di Ecologia delle Credenze®.

In questo caso tutti gli sforzi che stai facendo per riprogrammarti possono rivoltarti contro di te.

Non appena una circostanza ambientale farà emergere una convinzione negativa ti sentirai depresso.

Mi è capitato molte volte di confrontarmi con dei patiti del pensiero positivo i cui sforzi per pensare positivamente erano un tentativo di nascondere una più profonda lotta psicologica nata da una idea di sè sostanzialmente negativa.

Se ti limiti soltanto a pensare positivamente senza trasformare la tua realtà emotiva sarai destinato a sperimentare moltissimi conflitti che si manifesteranno fisicamente.

Il corpo esprime questo disagio con sintomi come tensione sul viso e nel corpo, artificiosità e rigidità del sorriso, con un dialogo ripetitivo e piatto, mancanza di spontaneità e creatività che apparirà dalle azioni e dal comportamento.

La sessione di Ecologia delle Credenze® è il modo più rapido ed ecologico per lavorare a livello subconscio per plasmare la propria realtà e realizzare quello che vuoi veramente.

Puoi impegnarti a coltivare attivamente i pensieri positivi. Riempire la tua vita di pensieri positivi incrementa l’autostima, il senso di benessere generale e le relazioni con gli altri.

  • Coltivare pensieri positivi  crea la lente attraverso cui interpretiamo il mondo. Grazie alla flessibilità del cervello umano, puoi modificare il modo in cui osservi e percepisci l’ambiente circostante. Una prospettiva pessimistica interpreta il mondo in termini immutabili e rigidamente fatti propri: “Niente è corretto”, “Non posso fare niente per cambiare le cose”, “La mia vita fa schifo ed è solo colpa mia”. Una prospettiva ottimistica, invece, considera il mondo come un luogo pieno di amore e di opportunità. Capisci bene come queste due visioni creino due realtà (vissute) completamente diverse con effetti diametralmente opposti per il tuo benessere fisico e mentale.
  • L’ottimismo non deve essere ingenuo e ma può essere intelligente e ben formulato. L’ottimismo cieco può presupporre che la prima volta che prenderai in mano un arco sarai in grado di centrare il bersaglio al primo colpo. Non è un pensiero realistico e simili aspettative possono condurre a grandi delusioni. Il vero ottimismo riconosce la realtà della situazione e ti esorta a farti trovare pronto ad affrontarla. Una prospettiva onestamente ottimistica ammette che dovrai lavorare duramente e per molti anni, che nonostante ciò puoi comunque arrivare ad ottime performance in qualsiasi sport o attività a cui ti dedichi con impegno. ,

Da quello che abbiamo scritto in questo articolo abbiamo capito che il subconscio è il depositario di significati e di credenze. Questi significati e credenze plasmano la nostra vita perchè influenzano quello che vediamo e le scelte che prendiamo. E’ possibile modificare la tua realtà modificando quello che è annidato nel tuo subconscio attraverso una sessione di Ecologia delle Credenze®.

Ecco come funziona e come si svolge una sessione.


Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *