Tag: fobia di stare da soli


L'autofobia, o monofobia, ti fa sentire estremamente ansioso quando sei solo. Questa fobia di rimanere soli può influenzare le tue relazioni, la vita sociale e la carriera. Potresti anche avere una paura dell'abbandono che deriva da un'esperienza infantile traumatica. La riprogrammazione ecologica del subconscio può aiutarti a superare la fobia di rimanere da solo.

Che cos'è la Monofobia (paura di rimanere soli?

autofobia Le persone che hanno l'autofobia hanno una paura irrazionale ed estrema di essere sole. Una persona può provare questa paura quando è sola. Alcune persone possono avere l'autofobia anche quando sono con altre persone. In questo caso, la paura è incentrata sulle preoccupazioni per l'isolamento. Potrebbero sentirsi soli in mezzo alla folla. Oppure possono preoccuparsi che le persone li lascino o debbano tornare a casa e stare da soli. Altri termini per paura di essere soli includono:

Qual è la differenza tra la fobia di rimanere soli e la solitudine?

Quando sei solo, ti senti infelice o triste per la quantità o la qualità delle connessioni sociali nella tua vita. Quando hai l'autofobia, ti senti ansioso o spaventato quando sei solo o quando pensi di essere solo. Ti senti così indipendentemente da quanti cari e amici ci sono nella tua vita. La fobia di rimanere soli può manifestarsi anche immediatamente quando la persona con cui stai in quel momento ti comunica che deve allontanarsi solo un attimo ma poi ritorna. Può scattare una crisi anche se sei sicuro/a sai che di certo tornerà dopo un attimo. Forse è qui che sta la differenza tra la solitudine e la fobia di rimanere da soli.

Cosa sono le fobie e quanto è comune l'autofobia?

fobia di rimanere soliLe fobie sono un disturbo d'ansia comune. Ti fanno avere paura di qualcosa che non è veramente dannoso. L'autofobia è un disturbo fobico specifico. Con esso, hai la fobia delle situazioni in cui sei solo. È difficile sapere esattamente quante persone hanno una fobia specifica, come la fobia di rimanere soli. Molte persone potrebbero tenere per sé questa paura o potrebbero non riconoscere di averla. Tuttavia, sappiamo che circa 1 adulto italiano su 10 e 1 adolescente su 5 affronterà un disturbo di fobia specifico ad un certo punto della sua vita.

Chi può essere a rischio di sperimentare la fobia di rimanere da solo?

I fattori di rischio per la fobia di rimanere soli e i disturbi fobici specifici includono:
  • Disturbo borderline di personalità (BPD): le persone con BPD hanno un'intensa paura di essere rifiutate, abbandonate o lasciate sole. Questo disturbo mentale rende difficile regolare le emozioni. Gli sbalzi d'umore risultanti possono essere difficili per le relazioni;
  • Disturbo dipendente di personalità (DPD): il DPD ti fa sentire incapace di prenderti cura di te stesso/a. Potresti avere la fobia di stare da solo perché ti senti impotente.
  • Storia familiare: crescere con un genitore o una persona cara che ha una fobia o un disturbo d'ansia può renderti incline alle stesse o diverse preoccupazioni.
  • Sesso: la paura di stare da sola colpisce più femmine che maschi.
  • Genetica: un cambiamento genetico può rendere alcune persone più inclini a disturbi d'ansia e fobie.
  • Altre fobie: le persone con autofobia possono avere altre fobie come l'agorafobia. Con l'agorafobia, potresti avere paura di uscire di casa a meno che qualcuno non sia con te.
  • Disturbo di panico: gli attacchi di panico causano battito cardiaco accelerato, dolore toracico non cardiaco e altri sintomi che possono sembrare un infarto. Qualcuno con disturbo di panico può temere di avere un attacco di panico mentre è solo e nessuno può aiutare.

Perché ho la fobia di rimanere da solo/a?

fobia di rimanere soli Le fobie iniziano spesso durante l'infanzia. Alcune persone possono far risalire la loro paura di essere soli a un'esperienza negativa o traumatica. Le potenziali cause di autofobia includono:
  • Essere ignorati, trascurati o sentirsi abbandonati.
  • Divorzio o perdita di un genitore durante l'infanzia.
  • Separarsi da una persona cara in mezzo alla folla o in un altro ambiente pubblico.
  • Avere un attacco di panico, un infortunio o un'altra emergenza, come un'irruzione in casa o una rapina senza che qualcuno ti aiuti.
  • Assistere a un incidente traumatico senza qualcuno che ti sostenga.

Quali sono i sintomi caratterizzano l'autofobia?

Le persone che soffrono della fobia di rimanere soli sono generalmente consapevoli che la paura non è razionale. Tuttavia, non sono in grado di controllare le loro reazioni fisiche quando si trovano in determinate situazioni. L'autofobia colpisce tutti in modo diverso. Potresti sentirti insicuro a meno che tu non sia con altre persone. Rimanere da soli può provocare intensi sentimenti di tristezza, paura o ansia. Se hai paura di fimanere da solo/a, i sintomi possono includere anche:
  • Brividi.
  • Vertigini e stordimento.
  • Eccessiva sudorazione (iperidrosi).
  • Palpitazioni.
  • Nausea.
  • Mancanza di respiro (dispnea).
  • Tremori.
  • Mal di stomaco o indigestione (dispepsia).

Come viene diagnosticata la fobia di rimanere soli?

fobia di rimanere soliL'autofobia (monofobia) non è un disturbo fobico riconosciuto nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) dell'American Psychiatric Association. Tuttavia, un professionista della salute mentale come uno psicologo può diagnosticare le fobie in base ai sintomi. I criteri per una diagnosi di disturbo fobico specifico includono:
  • Paura che persiste per almeno sei mesi.
  • Intensi sentimenti di paura o ansia quando sei solo, pur sapendo che non sei in pericolo.
  • Insorgenza immediata dei sintomi quando ti ritrovi solo o pensi di essere solo/a.
  • Ansia o paura che ti fa evitare di essere solo.
  • Sintomi estremi che interferiscono con la tua capacità di lavorare e goderti la vita.

Qual è il trattamento per l'autofobia?

Se hai provato ad affrontare in vari modi la fobia di rimanere solo ma non l'hai ancora superata, forse dovresti prendere in considerazione le mie sessioni. [wpforms id="1332"] Puoi anche mandarmi un sms al 3355297666 e senza nessun impegno ti risponderò in giornata e cercheremo di delineare un percorso ideale per le tue esigenze specifiche. Quello che leggerai nelle prossime righe di questo paragrafo è il percorso classico: il dramma è che spesso i risultati non sono eccellenti. La terapia dell'esposizione aiuta con successo la maggior parte delle persone a superare specifici disturbi fobici. Il tuo medico può anche utilizzare la terapia cognitivo comportamentale (CBT). Questi due metodi di psicoterapia (terapia della parola) si concentrano su:
  • Tecniche di rilassamento, come esercizi di respirazione profonda e meditazione, per aiutarti a gestire i sintomi.
  • Esaminare la causa principale della paura.
  • Imparare modi per contrastare i pensieri negativi sull'essere soli in modo da capire gradualmente che essere soli non è spaventoso o pericoloso.
  • Abituarsi piano piano a stare da soli. Puoi iniziare con l'obiettivo di stare da solo per 15 minuti ogni giorno. Quindi, puoi allungare quel tempo man mano che le settimane avanzano.
I farmaci ansiolitici o i farmaci per la pressione sanguigna come i beta-bloccanti possono aiutare temporaneamente mentre lavori per superare la fobia di rimanere solo. I farmaci non risolvono per nulla la situazione e il miglior approccio è sempre esaminare i messaggi che ti manda il corpo.

Hai provato di tutto ma la tua fobia di rimanere da solo/a non scompare: che fare?

Come hai letto più sopra la fobia di rimanere soli può dipendere da una nostra programmazione subconscia. Il subconscio è una macchina automatica potente che riesce ad eseguire in automatico e senza che noi possiamo contrastare questi atteggiamenti con la nostra volontà, migliaia forse miliardi di mansioni. La sudorazione, il battito cardiaco, le emozioni che proviamo in certe situazioni o la fobia di rimanere da soli possono dipendere da una non ecologica programmazione subconscia. E' qui che entrano in gioco i metodi per riprogrammare il subconscio in maniera ecologica tra cui le mie sessioni. Lo scopo di questi trattamenti è proprio questo. I percorsi classici possono essere molto utili ma quando questi falliscono forse è il momento per te di provare altro.

Perchè provare una delle mie Sessioni:

Scarica le risorse GRATUITE che ti metto a disposizione

RSS Leggi l’ultimo aggiornamento dal Sito di EcologiadelleCredenze di Michele Russo

  • Riprendersi da un trauma e lasciarselo alle spalle per sempre
    Riprendersi da un’esperienza traumatica non è la cosa più semplice del mondo. Una esperienza traumatica per il fatto di essere una esperienza forte dal punto di vista emotivo per definizione ti cambia per sempre. Infatti l’emozione forte, sia essa negativa Read more… The post Riprendersi da un trauma e lasciarselo alle spalle per sempre first […]
  • Trauma da abbandono: come superarlo in modo definitivo
    Il trauma dell’abbandono è la paura o l’ansia che le persone che ti stanno vicino ti lascino. Questa paura può essere travolgente e può essere causata dall’esperienza di perdita, abbandono o rifiuto all’inizio della vita. Il trauma dell’abbandono può verificarsi Read more… The post Trauma da abbandono: come superarlo in modo definitivo first appeared on […]
  • Impotenza funzionale: una possibile via d’uscita
    L’impotenza funzionale è un problema molto diffuso ai giorni nostri. L’impotenza funzionale è l’incapacità di condurre un rapporto sessuale soddisfacente a causa di una difficoltà di erezione. Questa impotenza è denominata funzionale poichè non ci sono cause specifiche o anatomiche Read more… The post Impotenza funzionale: una possibile via d’uscita first appeared on . L'articolo […]
  • Ferite emotive o ferite dell’Anima: come puoi trasformarle in Luce
    Le ferite emotive o le ferite dell’anima sono solchi profondi lasciati nel nostro cuore e nella nostra mente subconscia da esperienze traumatiche. Addirittura c’è chi sostiene che le ferite dell’Anima siano ancora più profonde delle ferite emotive perchè sono successe Read more… The post Ferite emotive o ferite dell’Anima: come puoi trasformarle in Luce first […]
  • Trauma da umiliazione: come venirne fuori
    Il trauma da umiliazione può avere conseguenze devastanti sulla tua vita. L’umiliazione può creare una cicatrice emotiva che piano piano distrugge la tua autostima e ti porta nel tempo a disturbi dell’umore, tra cui depressione e disturbo da stress post-traumatico. Read more… The post Trauma da umiliazione: come venirne fuori first appeared on . L'articolo […]
  • Amore incondizionato: ma che razza di Amore è ?
    Amore incondizionato è un termine che conosco da pochi anni. Ne ho sentito parlare per la prima volta forse in uno di quei discorsi del Guru di turno ad un raduno New Age. Questo fricchettone della “nuova coscienza emergente” mi Read more… The post Amore incondizionato: ma che razza di Amore è ? first appeared […]
  • Come superare un disagio psicologico con la programmazione ecologica delle credenze subconsce
    Superare un disagio psicologico può essere facile allineando la mente conscia e quella subconscia. Di questo parlano anche diverse riviste scientifiche, ma resta qui con la tua attenzione ancora per un pò perchè ne sentirai delle belle su come superare Read more… The post Come superare un disagio psicologico con la programmazione ecologica delle credenze […]