https://ecologiadellecredenze.it/sentirsi-sola/
Sentirsi sola: cosa sta succedendo e cosa puoi fare per superare la solitudine ed aprirti al mondo |

Sentirsi sola: cosa sta succedendo e cosa puoi fare per superare la solitudine ed aprirti al mondo



Sentirsi sola è una percezione che può essere cambiata. Il Sentirsi sola è uno stato emotivo che può essere causato da ferite emotive che hanno cambiato la tua immagine del mondo. Sentirsi sola può dipendere da quello che pensi degli altri, da quello che credi sia possibile per te nella tua vita. Queste convinzioni sono come dei programmi percettivi e comportamentali che ti fanno agire in modo automatico. Questi automatismi rafforzano la sensazione di sentirsi sola e si innesca un circolo vizioso. Come fare per trasformare la sensazione di sentirsi sola? E’ necessario agire a livello inconscio e trasformare questi programmi in programmi che aprano il tuo cuore al mondo. Questo è possibile con le mie sessioni. In questo articolo voglio parlarti di questa opportunità e ti darò anche dei consigli pratici su come vincere la sensazione di sentirsi sola che forse ti attanaglia da un pò.

Sentirsi sola è un male? Mi devo preoccupare?

solitudine

Gli esseri umani sono animali istintivamente sociali. È naturale per noi sentirci soli quando siamo isolati dagli altri. Come specie tribale, il nostro cervello si è adattato a fare affidamento sulle connessioni sociali come mezzo per sopravvivere. Infatti, secondo il neuroscienziato John Cacioppo, che ha fatto carriera studiando la solitudine, “l’assenza di connessione sociale innesca gli stessi campanelli d’allarme primordiali della fame, della sete e del dolore fisico”.

In parole povere, “Gli esseri umani non stann bene se sono soli”.

Tuttavia, la vita moderna, con tutte le sue comodità, ha portato a un forte aumento dell’isolamento. Di conseguenza, la solitudine è in aumento. Secondo Cacioppo, “La percentuale di americani che hanno risposto che regolarmente o frequentemente si sentivano soli era compresa tra l’11% e il 20% negli anni ’70 e ’80. L’American Association of Retired Persons (AARP) ha condotto uno studio rappresentativo a livello nazionale nel 2010 e ha trovato che questa percentuale era più vicino al 40% al 45%. ”

Sentirsi sola può essere un campanello d’allarme, dovremmo prenderlo come un segnale di avvertimento che qualcosa al nostro interno è cambiato. Le tue percezioni del mondo intorno a te fanno si che ti senti sola. Il percorso dell’isolamento porta alla solitudine, alla disperazione e persino alla depressione. Questa sensazione di solitudine può essere trasformata trasformando le cicatrici emotive che si sono create nella tua mente subconscia.

Se vuoi superare la sensazione di solitudine e aprirti alla vita prenota un ciclo di sessioni con me: mandami un sms whattsapp con il testo “mi sento sola”. Ti ricontatterò in giornata per elaborare un programma personalizzato che ti aiuti a superare questa difficoltà e cambiare vita. Oppure compila questo form:

Mi permette di ricontattarti in giornata, conoscerci e trovare il modo più efficace per risolvere al meglio la tua situazione
Ti prometto che la custodirò gelosamente e non la condividerò con nessuno neanche sotto tortura

Sentirsi sola vuol dire che sono sbagliata?

Sentirsi sola spesso ci porta a tormentarci e pensare che qualcosa non va in noi. Più ci sentiamo soli, più iniziamo ad avere pensieri di non appartenenza o di sentirci rifiutati dagli altri. Lasciati soli con i nostri pensieri, diventiamo il nostro peggior nemico. Uno spazio isolato è il terreno fertile perfetto per pensieri negativi e autocritici. Questi modelli di pensiero costituiscono la “voce interna critica (CIV)“, un nemico interiorizzato che conduce a processi e comportamenti di pensiero autodistruttivi. Questo critico interiore alimenta i nostri sentimenti di isolamento, incoraggiandoci a evitare gli altri e rimanere in uno stato di solitudine.

I nemici delle voci interiori

sentirsi solaSebbene le nostre voci interiori critiche possano dirci il contrario, in realtà non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato in noi che ci porta a essere soli. È un’idea sbagliata comune che le persone siano sole perché hanno scarse abilità sociali.

In effetti, una nuova ricerca mostra che le persone sole hanno abilità sociali perfettamente adeguate e riescono a eguagliare le persone non sole quando si tratta di leggere segnali sociali. Tuttavia, quando la “pressione sociale” viene introdotta nei test di abilità sociali, le persone sole spesso iniziano a soffocare. Cominciano a sentirsi molto ansiosi o temono il fallimento.

In sostanza, le loro convinzioni auto-limitanti o le voci interne critiche interferiscono con le loro capacità sociali naturali. Queste sensazione di non adeguatezza e di sentirsi soffocati dipendono da programmi inconsci che sfortunatamente hai ormai interiorizzato. Non è colpa tua se ti senti così. L’unica cosa che puoi fare è trasformare questi programmi insconsci e sostituirli con programmi utili. Posso farlo con le mie sessioni anche a distanza con Skype.

La solitudine non è quantificata dalla quantità di tempo che passiamo da soli, ma piuttosto da come ci sentiamo per il tempo che passiamo da soli. Cacioppo definisce la solitudine, come “isolamento sociale percepito, o discrepanza tra ciò che vuoi dalle tue relazioni sociali e la tua percezione di quelle relazioni. Sentirsi soli può innescare pensieri che non siamo amati o antipatici.

La tua voce interiore critica presenterà un brutto elenco di motivi per cui sei solo, attaccando ferocemente te e le persone intorno a te. Ad esempio, potresti attaccarti perché sei “imbarazzante” o “inquietante”. Successivamente, potresti attaccarti per non parlare abbastanza. Questi pensieri riflettono un punto di vista ostile nei tuoi confronti. E’ un disco che si è incantato dentro la tua mente e che puoi sbloccare con le mie sessioni:

Mi permette di ricontattarti in giornata, conoscerci e trovare il modo più efficace per risolvere al meglio la tua situazione
Ti prometto che la custodirò gelosamente e non la condividerò con nessuno neanche sotto tortura

Che cosa crea la sensazione di sentirsi sola?

Ci sono diversi fattori che portano le persone a sentirsi sole. Le principali cause della solitudine sono:

  • Eredità – Secondo John Cacioppo, “La solitudine è ereditabile per circa il 50%, ma questo non significa che la solitudine sia determinata dai geni. Ciò che sembra essere ereditabile è l’intensità del dolore provato quando ci si sente socialmente isolati. A seconda dei loro geni, alcune persone hanno maggiori probabilità di provare più dolore o di percepirsi come più sole quando non sono in contatto con gli altri. Questo dice Cacioppo ma molto è epigenetica e cioè quello che percepiamo dell’ambiente e che è dettato dai nostri programmi subconsci che possono essere cambiati.
  • Ambiente: la solitudine è spesso innescata dall’ambiente. Se uno vive in una zona isolata o si è recentemente trasferito in una nuova posizione, è più suscettibile alla solitudine. Inoltre, trasferirsi in un nuovo paese o studiare all’estero, dove le barriere linguistiche o culturali possono complicare le interazioni sociali, può anche portare le persone a sentirsi più sole.
  • Circostanze: circostanze di vita dolorose, come il divorzio o la perdita, possono aumentare i sentimenti di solitudine.
  • Pensieri e atteggiamenti – Anche il modo in cui pensiamo e sentiamo di noi stessi e del mondo che ci circonda può scatenare la solitudine.

Ci sono altri fattori psicologici e di sviluppo che che creano la sensazione di sentirsi sola

Le persone gravemente sole spesso riferiscono:

  • Storia di abuso;
  • Genitori ostili / invadenti o introversi / mal sintonizzati;
  • Stile di attaccamento ambivalente disorganizzato o ansioso e problemi di comunicazione
  • Interiorizzazione delle figure genitore / attaccamento
  • Sentimenti di ostilità o impotenza

E’ grave sentirsi sola?

sentirsi solaSebbene i periodi temporanei di solitudine siano comuni e possano passare rapidamente, la solitudine può essere una condizione cronica con effetti gravi e dannosi sulla tua salute fisica e mentale.

Gli effetti della solitudine a lungo termine sulla salute psichica includono:

  • una qualità del sonno ridotta;
  • una salute indebolita;
  • persino un aumento della mortalità.

Mentre gli effetti sulla propria salute mentale includono:

  • depressione;
  • timidezza;
  • ricordi errati;
  • concentrarsi sull’esclusione piuttosto che sull’inclusione (che perpetua la voce interiore critica).

Gli studi stanno ora dimostrando che un cervello solitario è strutturalmente e biochimicamente diverso. La risposta neurale a eventi e immagini positivi viene soppressa, quindi il mondo viene percepito attraverso un filtro negativo. Quando siamo soli, è più probabile che consideriamo le cose senza speranza. Potremmo sentire che il mondo intorno a noi è minaccioso o al di fuori del nostro controllo. Ciò rende difficile raccogliere l’energia e il coraggio per trovare la felicità e il cambiamento.

Puoi provare a cambiare questo loop con le mie sessioni, compila il form qui sotto per prenotare una sessione:

Mi permette di ricontattarti in giornata, conoscerci e trovare il modo più efficace per risolvere al meglio la tua situazione
Ti prometto che la custodirò gelosamente e non la condividerò con nessuno neanche sotto tortura

Sentirsi sola è una sensazione che dura in eterno? Come posso fermarla?

La solitudine non è una condizione verso cui rimanere impotenti. Ci sono azioni che puoi intraprendere per combattere il sentirsi sola e iniziare ad avere connessioni sociali più significative nella tua vita. Qui di seguito ti consiglio alcune azioni che puoi intraprendere. Queste forse potranno aiutarti. Qualcuna di esse potrebbe innescare un circolo virtuoso in grado di cambiare casualmente e fortuitamente i tuoi programmi interni che determinano il sentirsi sola. Ma perchè lasciare tutto al caso? Quello che ti consiglio per liberarti definitivamente dalla condizione di sentirsi sola è un ciclo di sessioni con me.

Sfida il tuo critico interiore

Nella loro ricerca, gli psicologi padre e figlia Drs. Robert e Lisa Firestone hanno scoperto che il pensiero negativo più comune che le persone hanno verso se stesse è che sono “diverse dalle altre persone”. Queste convinzioni auto-limitanti possono tenerti bloccata in un ciclo di solitudine. Le tue voci interiori critiche cercano di impedirti di sfidare te stessa ad uscire dalla tua zona di comfort, quindi ti pugnalano alle spalle per evitare di agire. Quando senti questi auto-attacchi, è fondamentale che tu non permetta loro di manipolare il tuo comportamento. Riconosci i tuoi sentimenti di solitudine e isolamento senza giudizio, dicendo a te stessa “Mi sento sola in questo momento, ma non ho intenzione di cedere alla mia voce interiore critica e farò il contrario di quello che in questo momento mi verrebbe da fare. Invece, puoi imparare a sfidare il tuo critico interiore.

Pratica l’auto-compassione

L’auto-compassione è l’atto radicale di trattare te stesso con la stessa gentilezza con cui tratteresti un amico. La ricercatrice Dr. Kristen Neff ha scoperto che l’auto-compassione porta ad:

  • una maggiore resilienza emotiva;
  • concetti di sé più accurati;
  • un comportamento relazionale più premuroso.

Gli elementi vincenti dell’autocompassione

sentirsi solaSecondo la dottoressa Neff, l’auto-compassione coinvolge tre elementi principali. Analizziamo questi elementi in relazione alla lotta alla solitudine:

Primo elemento vincente dell’autocompassione: Auto-gentilezza vs. Autocritica

“L’auto-compassione implica essere calorosi e comprensivi verso noi stessi quando soffriamo, falliamo o ci sentiamo inadeguati, piuttosto che ignorare il nostro dolore o flagellarci con l’autocritica”, dice la dottoressa Neff. Quando ci sentiamo isolati o soli, possiamo scegliere di avere compassione per noi stessi. Possiamo riconoscere le nostre emozioni senza giudicarle, forse dicendo a noi stessi: “Sto davvero soffrendo in questo momento”. Negare la realtà del nostro dolore porta solo a più sofferenza e frustrazione. “Quando questa realtà viene accettata con simpatia e gentilezza”, dice la dottoressa Neff, “si sperimenta una maggiore equanimità emotiva”. Quando accettiamo dove siamo e contro cosa stiamo lottando, senza rimproverarci, possiamo iniziare a cambiare.

Secondo elemento vincente dell’autocompassione: Auto-gentilezza vs. Autocritica

Mindfulness vs. Identificazione eccessiva con i pensieri – Secondo la dottoressa Neff, “L’auto-compassione richiede anche un approccio equilibrato alle nostre emozioni negative in modo che i sentimenti non siano né soppressi né esagerati”. Puoi osservare i tuoi pensieri negativi senza accettarli come verità o permettere loro di dettare le tue azioni. La consapevolezza ci insegna a non identificarci eccessivamente “con i sentimenti dei pensieri, in modo da essere catturati e spazzati via dalla reattività negativa”. Se ti senti solo, fai attenzione alle etichette; non sei “solo”, un “perdente”, un “recluso”, un “cattivo a fare amicizia”, ​​ecc. Abbraccia la natura non giudicante della consapevolezza.

Terzo elemento vincente dell’autocompassione: Auto-gentilezza vs. Autocritica

Umanità comune vs. Isolamento – Anche quando ti senti isolato dagli altri, puoi iniziare a riconoscere la tua comune umanità. TUTTI gli esseri umani soffrono. TUTTI gli esseri umani sono cablati per la connessione sociale e proveranno dolore quando si sentiranno emotivamente isolati dagli altri. “La definizione stessa di essere” umano “significa che si è mortali, vulnerabili e imperfetti”, dice la dottoressa Neff, “Pertanto, l’auto-compassione implica il riconoscimento che la sofferenza e l’inadeguatezza personale fanno parte dell’esperienza umana condivisa – qualcosa che noi tutti possiamo passare piuttosto che essere qualcosa che accade a “me” da solo. ” Anche se ti senti solo, è importante riconoscere che non sei solo in questo dolore. Il mondo è pieno di persone sole.

Prendi provvedimenti per liberarti dall’isolamento

Elabora un piano e inizia a prendere provvedimenti per liberarti dall’isolamento. Poniti le seguenti domande:

  • Quando mi sento più sola?
  • Quando mi sento meno sola?
  • Quali attività mi piacciono di più?
  • Quali attività mi fanno sentire meno sola e/o addirittura felice ed appagata?

C’è qualcuno con cui mi sento bene a passare del tempo? Elenca i loro nomi.

Le domande che ti aiutano a superare la difficoltà del sentirsi sola

solitudineOra pensa ad alcuni modi concreti per rispondere a queste domande:

  • Come puoi sentirti meno solo in quei momenti solitari?
  • Puoi contattare un amico?
  • Partecipare a una comunità di chat online? Trova un modo sano per distrarti dalla solitudine, come l’esercizio fisico, la meditazione;
  • Perché pensi di sentirti meno solo in certi momenti?
  • Come puoi espandere quei momenti positivi? Ad esempio, se ti senti bene al lavoro, forse potresti passare più tempo con i tuoi colleghi o trovare hobby come il volontariato che si basano su abilità simili che ti piace condividere al lavoro.
  • Le attività che ti piacciono sono sociali? Se è così, come puoi partecipare maggiormente a queste attività? Se le attività sono isolate, come puoi entrare in contatto con altri a cui piacciono queste attività? Internet è una risorsa incredibile per costruire una comunità con persone in tutto il mondo che condividono i tuoi interessi.
  • Se ci sono amici, colleghi o familiari con cui ti senti bene, pianifica di trascorrere più tempo con loro. Pensa alle attività che potresti fare insieme o alle cose che potresti condividere più regolarmente.

Altre azioni che puoi fare per vincere la sensazione del sentirsi sola

Poiché il nostro cervello non risponde positivamente all’isolamento, mettiti in contesti sociali, anche se sei tra estranei. Se ti senti timida in pubblico, prova ad andare online. Interagire su Internet può essere un buon primo passo per darti la sicurezza di esprimerti. Combatti duramente contro le voci interiori critiche che cercano di convincerti a isolarti. Pratica la generosità.

Una delle migliori azioni che possiamo intraprendere per contrastare la disperazione che possiamo provare è pensare al di fuori di noi stessi. La generosità è un repellente naturale contro l’odio per se stessi. Credi oltre ogni dubbio di avere qualcosa da offrire! Il volontariato è un ottimo esercizio per pensare al di fuori di te stessa e spesso ti dà l’opportunità di entrare in contatto con nuove persone. Anche piccoli atti di generosità possono avere un impatto significativo. La generosità, in linea di principio, può portare a una maggiore autostima, che poi porta a un comportamento più sociale. E infine se hai dei soldi da investire in salute prenota subito una delle mie sessioni: ti sentirai subito meglio vedrai.


Perchè provare una delle mie Sessioni:

Scarica le risorse GRATUITE che ti metto a disposizione