Il corpo di dolore: come riconoscerlo e usarlo per liberarti dalla schiavitù dell’esistenza


https://ecologiadellecredenze.it/corpo-di-dolore/

Forse in questo ultimo periodo hai sentito parlare del concetto di corpo di dolore. Questo concetto è diventato popolare grazie al libro di Eckhart Tolle “Il Potere di Adesso”. Se sei qui e stai leggendo queste righe probabilmente vuoi capire di più sul corpo del dolore. In questo articolo proviamo ad analizzare in profondità il concetto di ” corpo di dolroe” e cerchiamo di capire come può condizionare la nostra vita.

Secondo The Power of Now ed Eckhart Tolle, il corpo del dolore emotivo è l’entità invisibile del dolore che si accumula durante il corso di tutta la tua vita. Questa “accumulazione” inizia con le esperienze dolorose dell’infanzia e ogni esperienza che ti porta dolore emotivo viene aggiunta alla raccolta.

In quanto accumulo di emozioni, il corpo del dolore è in definitiva un prodotto dell’ego che ti impedisce di essere presente e di provare pace interiore.

Perchè il corpo del dolore crea così tanti problemi nella tua vita?

corpo di doloreLe esperienze che vivi non sono buone o cattive in se. Il significato e il valore delle esperienze che vivi dipende dalla tua percezione. Nella vita capitano delle esperienze a cui noi diamo un significato negativo. Questa percezione da noi scelta innesca in noi una emozione.

Le emozioni sono in grado di scrivere programmi comportamentali a livello della nostra mente inconscia. Questo programma una volta scritto sarà attivo per sempre nella tua vita e condizionerà il tuo comportamento. Sarà destinato a ripetersi e a rafforzarsi con ogni esperienza in grado di innescarlo e di farti rivivere quella stessa emozione. Si innesca insomma un circolo virtuoso che piano piano condiziona sempre di più la tua vita e restringe di volta in volta i tuoi gradi di libertà.

Posso farti un esempio per comprendere come agisce il corpo di dolore nella tua vita: immaginiamo che il tuo corpo di dolore includa molte esperienze in cui ti percepisci come se non potessi mai essere all’altezza dei risultati di tuo fratello maggiore. Quindi, quando i tuoi genitori ti parlano della nuova casa che tuo fratello ha appena comprato, è probabile che questo fatto scateni il tuo corpo di dolore. In risposta, potresti sentirti arrabbiato, sulla difensiva o inferiore.

Per disinnescare il corpo di dolore e dare più spazio alle opportunità nella tua vita ti consiglio di provare le mie sessioni.

Il corpo di dolore è come un parassita che controlla la tua Mente

Secondo Eckhart Tolle, il corpo-dolore è una massa di energia negativa che può occupare il tuo corpo e la tua mente. È come un parassita, che vive in te e si nutre di te fisicamente, mentalmente ed emotivamente. Ma il corpo di dolore ha solo tanto potere quanto tu glielo dai.  Il corpo di dolore si nutre dell’energia negativa che si crea quando vieni travolto dalle emozioni che produce e ti identifichi con il corpo di dolore.

Eventi, conversazioni e pensieri possono innescare il corpo di dolore, specialmente se colpisce un programma inconscio con uno schema di dolore familiare del passato. Quando il tuo corpo di dolore viene attivato, può farti essere irritato, impaziente, cupo, arrabbiato, depresso o antagonista.

Quando il corpo di dolore ha il controllo, diventi una vittima o un carnefice, infliggendo dolore agli altri o a te stesso. Questo alimenta l’energia negativa del corpo di dolore e ne rafforza il potere, creando un circolo vizioso.

Il corpo del dolore e gli autosabotaggi

corpo di dolore

Sembra un’assurdità: perché dovresti alimentare il tuo corpo di dolore? Chi vorrebbe il dolore? Ma quando guardi i tuoi schemi di pensieri e comportamenti, potresti riconoscerlo.

Pensa a quando le persone sembrano auto-sabotarsi senza una ragione apparente e le persone intorno a loro non riescono a capire perché. O quando le persone sono sole ma poi si scagliano contro gli altri e si isolano. Questo è il corpo di dolore al lavoro.

Non tutti i corpi di dolore sono creati uguali. Alcune persone hanno vissuto un dolore più frequente o più intenso, creando corpi di dolore più grandi. Inoltre, ogni corpo di dolore ha diversi trigger e diversi livelli di sensibilità a quei trigger.

I corpi di dolore di alcune persone sono dormienti per la maggior parte del tempo, e si risvegliano solo quando qualcosa li fa scattare. Altre persone, tra cui molte persone cronicamente infelici, hanno corpi di dolore che sono attivi praticamente tutto il tempo. Queste persone hanno probabilmente fatto del loro corpo di dolore una parte della loro identità. Alcuni corpi di dolore sono fastidiosi ma meno distruttivi, causando depressione o irritazione. Altri corpi di dolore sono fisicamente o emotivamente violenti, attaccano coloro che ti circondano o attaccano te – il loro ospite – con pensieri e sentimenti negativi, portando persino al suicidio.

Come può manifestarsi il corpo del dolore

Tolle dice che alcuni corpi di dolore sono odiosi ma relativamente innocui, come un bambino che non smette di piagnucolare. Tuttavia, altri corpi di dolore possono essere viziosi e distruttivi: “Alcuni attaccheranno le persone intorno a te o vicino a te, mentre altri potrebbero attaccare te, il loro ospite. I pensieri e i sentimenti che hai sulla tua vita diventano quindi profondamente negativi e autodistruttivi. Le malattie e gli incidenti sono spesso creati in questo modo. Alcuni corpi di dolore spingono i loro ospiti al suicidio.

Può succedere persino che pensavi di conoscere una persona e poi ti trovi improvvisamente di fronte a questa creatura aliena e sgradevole e non te lo saresti mai aspettato. Rimani scioccato e intuisci per la prima volta in vita tua come può rovinare la vita di ognuno il corpo del dolore.

L’osservazione del corpo del dolore

corpo di doloreE’ importante osservare il corpo del dolore in te stesso. Fai attenzione a qualsiasi segno di infelicità in te stesso, in qualsiasi forma: potrebbe essere il corpo di dolore che si sta risvegliando. Questo può assumere la forma di irritazione, impazienza, umore cupo, desiderio di ferire, rabbia, rabbia, depressione, bisogno di avere qualche dramma nella tua relazione e così via. Catturalo nel momento in cui si risveglia dal suo stato dormiente.

Il corpo di dolore e l’ego

Come l’ego, il corpo di dolore ha il potere di sopravvivere e prosperare solo se ti identifichi con esso. Quando la negatività del corpo di dolore – che si tratti di rabbia, depressione, autocommiserazione o risentimento – prende il sopravvento sui tuoi pensieri, ti identifichi con esso. Quando lo fai, stai alimentando il dolore e creando più energia negativa che lo rafforza. E, secondo gli insegnamenti di Eckhart Tolle, quando il corpo del dolore ha il controllo, tu non sei presente. Alcune persone creano una forte identità basata sul loro corpo di dolore. Ad esempio, alcune persone che hanno affrontato difficoltà e disgrazie incredibili si definiscono per sempre in base a quelle esperienze e al dolore che hanno causato loro. Alcune persone con malattie croniche ne fanno una parte primaria della loro identità.

Il corpo di dolore viene amplificato dal tuo Ego

corpo di doloreIl corpo-dolore vive negli esseri umani e proviene dall’ego:

Una volta che il corpo di dolore ha preso il sopravvento, vuoi più dolore. Diventi una vittima o un carnefice. Vuoi infliggere dolore, o vuoi esperire il dolore, o entrambi. Non c’è davvero molta differenza tra i due.

Non ne sei consapevole, ovviamente, e affermerai con veemenza che non vuoi il dolore. Ma guarda da vicino e scoprirai che il tuo modo di pensare e il tuo comportamento sono progettati per perpetuare il ​​dolore, per te stesso e per gli altri. Se ne fossi veramente cosciente, lo schema si dissolverebbe, perché desiderare più dolore è follia e nessuno è coscientemente pazzo.

Quando l’ego è amplificato dall’emozione del corpo di dolore, l’ego acquista un’enorme forza. Il lavoro sul corpo di dolore richiede una presenza molto grande perché tu possa essere lì come spazio anche per il tuo corpo di dolore, quando sorge.

Questo è il lavoro di tutti in questa vita. Dobbiamo essere presenti e riconoscere il nostro corpo di dolore quando passa da dormiente ad attivo.

Cosa fare quando il tuo dialogo interno prende il sopravvento

In quel momento, quando prende il sopravvento sulla tua mente, il dialogo interno che abbiamo – che è disfunzionale nel migliore dei casi – ora diventa la voce del corpo di dolore che ci parla internamente.

Tutto ciò che ci dice è profondamente influenzato dalla vecchia, dolorosa emozione del corpo di dolore.

Ogni interpretazione, tutto ciò che dice, ogni giudizio sulla tua vita e su ciò che sta accadendo, sarà totalmente distorto dal vecchio dolore emotivo.

Se sei solo, il corpo di dolore si nutrirà di ogni pensiero negativo che sorge e otterrà più energia. Finirai per pensare alle cose per ore, esaurendo la tua energia.

Eckhart Tolle nel suo libro spiega come sperimentiamo emozioni come ansia, stress o rabbia:

“Tutta la negatività è causata da un accumulo di tempo psicologico e dalla negazione del presente. Il disagio, l’ansia, la tensione, lo stress, la preoccupazione – tutte forme di paura – sono causate da troppo futuro e non abbastanza presenza. Colpa, rimpianto, risentimento, rancore, tristezza, amarezza e tutte le forme di non perdono sono causate da troppo passato e da una presenza insufficiente.

Come riconoscere il corpo del dolore

corpo di dolore

Come possiamo essere presenti e riconoscere il nostro corpo di dolore in una fase iniziale, in modo da non essere coinvolti in esso esaurendo la nostra energia?

La chiave è capire che le piccole situazioni innescano reazioni enormi e quando ciò accade il tuo lavoro consiste nell’essere presente con te stesso.

E’ necessario creare spazio dentro di te per il corpo di dolore, e poi rimuovere te stesso da quello spazio. Sii presente con te stesso e osserva la situazione da un luogo distaccato.

Se sei presente, il corpo-dolore non può più nutrirsi dei tuoi pensieri, o delle reazioni delle altre persone. Puoi semplicemente osservarlo ed essere il testimone, essere lo spazio per esso. Poi gradualmente, la sua energia diminuirà.

Il primo passo verso l’illuminazione è essere un “osservatore” della mente.

Il corpo di dolore, che è l’ombra oscura proiettata dall’ego, in realtà ha paura della luce della tua coscienza.

Ha paura di essere scoperto. La sua sopravvivenza dipende dalla tua identificazione inconscia con esso, così come dalla tua paura inconscia di affrontare il dolore che vive in te. Ma se non lo affronti, se non porti la luce della tua coscienza nel dolore, sarai costretto a riviverlo ancora e ancora. Il corpo di dolore ti può sembrare un mostro pericoloso che non puoi sopportare di guardare, ma ti assicuro che è un fantasma inconsistente che non può prevalere sul potere della tua presenza.

Quindi il corpo di dolore non vuole che tu lo osservi direttamente e lo vedi per quello che è. Nel momento in cui lo osservi, senti il ​​suo campo energetico dentro di te e attiri la tua attenzione su di esso, l’identificazione si interrompe. È entrata una dimensione superiore di coscienza. La chiamo presenza. Ora sei il testimone o l’osservatore del corpo di dolore. Ciò significa che non può più usarti fingendo di essere te, e non può più ricostituire se stesso attraverso di te. Hai trovato la tua forza più intima. Hai avuto accesso al potere di vivere nell’adesso.

L’inizio della libertà individuale

L’inizio della libertà individuale nasce con la consapevolezza di essere due e non uno. La libertà inizia con il riconoscere che non sei i tuoi pensieri.

Nel momento in cui inizi a osservare il pensatore, si attiva un livello superiore di coscienza. Quindi inizi a capire che c’è un vasto regno di intelligenza oltre il pensiero, che il pensiero è solo un minuscolo aspetto di quell’intelligenza. Ti rendi anche conto che tutte le cose che contano veramente – bellezza, amore, creatività, gioia, pace interiore – sorgono oltre la mente. Cominci a svegliarti.

Come diventare un osservatore della tua mente

corpo di doloreEcco un riassunto dei suoi consigli su cosa fare quando la tua mente non riesce a smettere di pensare:

  1. In primo luogo, evita di dare troppi input alla tua mente. Un ottimo test è farlo quando si parla con gli altri.
  2. Durante una conversazione con qualcuno, prova ad ascoltare l’80% delle volte e parla solo il 20% delle volte.
  3. Mentre ascolti, senti il ​​tuo corpo interiore.
  4. Una strategia per farlo è essere consapevoli dell’energia che senti nelle tue mani. Se possibile, prova a sentire anche l’energia nei tuoi piedi.
  5. Senti la vitalità nel tuo corpo, mentre continui ad ascoltare.
  6. Questo ti aiuta a diventare più consapevole del tuo corpo e delle informazioni che stai ricevendo, al contrario dei tuoi pensieri.

Penso che questa sia un’ottima strategia. In effetti, c’è una ragione scientifica per cui questo funziona nel portare la tua mente a concentrarsi maggiormente sul momento presente.

Le due reti mentali: la rete di esperienza diretta e la rete di esperienza predefinita

eckhart tolle

Uno studio del 2007 del professor Norman Farb dell’Università di Toronto ha scoperto che gli esseri umani hanno due diversi insiemi di reti nel cervello per affrontare il mondo.

La prima rete è per vivere la tua esperienza. Questa è chiamata “rete predefinita”.

Questa rete si attiva quando non succede molto e inizi a pensare a te stesso.

È la rete coinvolta nella pianificazione, nel sognare ad occhi aperti e nel rimuginare. Tiene insieme la nostra narrativa sul mondo.

La seconda rete è chiamata “rete di esperienza diretta”.

Quando la rete dell’esperienza diretta è attiva, diventa un modo completamente diverso di vivere l’esperienza.

Quando questa rete viene attivata, non stai pensando intensamente al passato o al futuro, alle altre persone e nemmeno a te stesso.

Piuttosto, stai sperimentando informazioni che entrano nei tuoi sensi.

Ad esempio, se sei sotto la doccia, questa rete si attiva quando noti il ​​calore dell’acqua che colpisce il tuo corpo.

Correlazione inversa tra le due reti di esperienza

Se hai una riunione imminente mentre lavi i piatti, è meno probabile che noterai un taglio sulla tua mano, perché la rete coinvolta nell’esperienza diretta è meno attiva.

Non senti tanto i tuoi sensi.

Fortunatamente, questo funziona in entrambi i modi.

Quando focalizzi intenzionalmente la tua attenzione sui dati sensoriali in entrata, come la sensazione dell’acqua sulle mani mentre ti lavi, riduce l’attivazione del circuito narrativo.

Pertanto, ogni volta che attivi intenzionalmente la tua rete di esperienza diretta usando i tuoi sensi, stai riducendo l’attività nella tua rete predefinita, che è coinvolta nel pensare troppo.

Questo è il motivo per cui gli esercizi di respirazione meditativa possono funzionare quando stai pensando troppo, perché concentri la tua attenzione sull’esperienza sensoriale del tuo respiro.

Ecco perché la strategia di Eckhart Tolle è così brillante da ridurre il perdersi nei propri pensieri. Infatti Tolle consiglia:

“Concentra l’attenzione sul sentimento dentro di te. Sappi che è il corpo di dolore. Accetta che sia lì. Non pensarci, non lasciare che la sensazione si trasformi in pensiero. Evita di giudicare o analizzare. Non ricavarne un’identità. Rimani presente e continua a essere l’osservatore di ciò che sta accadendo dentro di te. Diventa consapevole non solo del dolore emotivo, ma anche di “colui che osserva”, l’osservatore silenzioso. Questo è il potere dell’Adesso, il potere della tua presenza cosciente. Poi guarda cosa succede”.

Tu sei importante: mettiti al primo posto

Ognuno di noi sta vivendo questa vita come se fosse una missione. E’ che questa cosa non ci viene detta. Anzi ci riempiono la testa di sciocchezze per farci dimenticare quanto siamo importanti.

Ognuno di noi è un Anima inviata da “il Grande Qualcosa” su questo pianeta per realizzare un progetto divino.

Purtroppo però succede che diventiamo vittime delle pressioni sociali e mediatiche. Queste pressioni agiscono sulla nostra mente inconscia continuamente. Il risultato è che ci allontaniamo gradualmente e costantemente dal nostro vero sè.

Conclusioni

Il lavoro che dobbiamo fare è quello di eliminare i programmi subconsci che lavorano contro di noi. Per fare questo è necessario ascoltare il nostro cuore e capire veramente quello che sentiamo vero per noi. L’altra cosa da fare è farsi aiutare da una persona che sia in grado di riprogrammare la tua mente subconscia e cancellare tutti i programmi che ti ostacolano in questo tuo cammino. Le interferenze non servono e rendono il tuo cammino difficile e faticoso.

Le mie sessioni consentono di eliminare tutte queste interferenze e di rendere il tuo cammino sulla terra armonioso, avvincente e divertente.

Puoi chiedermi di più sulle mie sessioni mandandomi un messaggio al 3355297666. Sarò felice di ricontattarti e di fare una chiacchierata con te senza nessun impegno da parte tua. Servirà a capire se posso aiutarti e se il mio lavoro possa dare un contributo decisivo alla tua vita e al tuo cammino.

Puoi anche inviarmi una richiesta di informazioni con il modulo che vedi qua sotto:

Mi permette di ricontattarti in giornata, conoscerci e trovare il modo più efficace per risolvere al meglio la tua situazione
Ti prometto che la custodirò gelosamente e non la condividerò con nessuno neanche sotto tortura

Perchè provare una delle mie Sessioni:

Scarica le risorse GRATUITE che ti metto a disposizione

RSS Leggi l’ultimo aggiornamento dal Sito di EcologiadelleCredenze di Michele Russo

  • Spinta motivazionale: come puoi ottenerla?
    Una spinta motivazionale? Forse la cerchi perchè è da un pò di tempo che vivi con estrema fatica oppure senti che c’è qualcosa che non va nella tua vita. Oggi più che delle tecniche da quattro soldi per ottenere una Read more… The post Spinta motivazionale: come puoi ottenerla? first appeared on . L'articolo Spinta […]
  • Essere insicuri: una trappola mentale che ti limita nella vita
    Essere insicuri è una cosa molto diffusa nella società. Come esseri umani, pensiamo costantemente e alcuni dei nostri pensieri possono essere pieni di dubbi. Questo può portare a pensieri di insicurezza. Troppa insicurezza può portare ad altri problemi, nelle relazioni Read more… The post Essere insicuri: una trappola mentale che ti limita nella vita first […]
  • Attacchi di panico in aereo: il metodo definitivo per superarli per sempre
    Soffrire di attacchi di panico in aereo può essere invalidante, soprattutto per chi ha bisogno di volare frequentemente per lavoro. Alcuni suggerimenti degli operatori sanitari possono aiutarti ad affrontare meglio il volo, ma se vuoi trascendere e dire addio agli Read more… The post Attacchi di panico in aereo: il metodo definitivo per superarli per […]
  • Odofobia e paura di viaggiare e di prendere l’aereo: 6 modi + 1 per superarle
    L’odofobia o hodofobia detta in inglese è la paura di viaggiare. Poi c’è chi non ha paura di viaggiare e lo vorrebbe tanto, ma si limita al proprio paese o a destinazioni raggiungibili facilmente solo con il treno, l’auto o Read more… The post Odofobia e paura di viaggiare e di prendere l’aereo: 6 modi […]
  • Profezie che si autoavverano e effetto sulla tua vita
    Che cos’è una profezia che si autoavvera? Una profezia che si autoavvera è un’aspettativa o una convinzione che può influenzare i tuoi comportamenti, facendo sì che la convinzione si avveri. Ci sono alcuni segni chiave in te da evitare se Read more… The post Profezie che si autoavverano e effetto sulla tua vita first appeared […]
  • Ti capita mai di sentirti avvilita o avvilito?
    Se stai leggendo queste parole mentre guardi lo schermo forse è da un pò che ti senti avvilita /o. Magari ti sei documentata/o il più possibile sul web e hai cercato informazioni sul sentimento di avvilimento. Hai scoperto che il Read more… The post Ti capita mai di sentirti avvilita o avvilito? first appeared on […]
  • Deluso o delusa dalla vita: che si fa ora?
    Se sei delusa /o dalla vita forse c’è di meglio da fare che aspettare di morire. Una bella idea piuttosto che crogiolarsi nel pessimismo se sei delusa /a dalla vita è donare la tua vita agli altri. Tra morire e Read more… The post Deluso o delusa dalla vita: che si fa ora? first appeared […]