Ecologia delle Credenze®

Archivio mensile: aprile 2016

Crisi di Panico: Cosa ti sta comunicando il tuo corpo?

Crisi di panico: il nostro corpo tenta di comunicarci qualcosa?

Crisi di panico, ecco uno dei copioni più frequenti che sta diventando molto diffuso ai giorni nostri. Ci sarà un perchè? Forse la pressione ambientale dei nostri giorni sta mettendo in crisi i nostri sistemi? Forse queste crisi di panico sono il segnale che viviamo in un ambiente diverso che ci sta facendo cambiare. Entra in gioco il concetto di resilienza: c'è una pressione evolutiva. Verranno selezionati individui sempre più resistenti alla crescente pressione ambientale. Ad una pressione ambientale diversa. Ad un ambiente diverso.

Il nostro corpo grida la sua difficoltà ad adattarsi ai cambiamenti attraverso la crisi di panico

Il mondo sta cambiando. A noi non ci resta che decidere: adattarsi o subirne le conseguenze. Il costo da pagare è una vita vissuta all'insegna dell'ennesima crisi di panico. crisi di panico La crisi di panico, una complessa coorte di sintomi e segni che ci rivela una disarmonia. Una difficoltà del nostro sistema di adattarsi all'ambiente. Alla base di una crisi di panico c'è una incapacità dei nostri software subconsci di fonteggiare un ambiente che ci mette alla prova. Servono software diversi. Più efficienti in questo tipo di ambiente. Noi possiamo installarli. Soltanto quando questo avverrà assisteremo alla definitiva scomparsa della crisi di panico.

La storia che segue è la storia di Giammario: una delle tante crisi di panico

Giammario è un giovane imprenditore rampante, ha da poco portato la sua start up nata pochi anni prima dal nulla a quotarsi in borsa, per lui niente è impossibile ormai. Ha dimostrato a sè stesso di poter superare qualsiasi ostacolo ed è sereno perchè suo papà che lo guarda ormai da lassù è orgoglioso del suo gioiello, del suo principe. E' molto stanco ultimamente, passa le serate tra buffet di presentazione e pranzi aziendali ma non mangia molto, fa finta di mangiare per essere di compagnia. Rimbalza da una finta cena ad un altra cercando di tessere e coltivare la sua rete di contatti professionali, così tanto importanti, dice lui, per far prosperare quell'organismo che sta crescendo ad un ritmo vertiginoso. Ha una grande energia Giammario e riesce a guidare per migliaia di chilometri ogni giorno, anche se, bisogna ammetterlo, ogni tanto gli occhi gli si chiudono ed è costretto a fermarsi un attimo per riposarsi un pò. Ed è proprio un colpo di sonno quello che gli cambierà la vita. (altro…)

Psicosomatica: il linguaggio segreto del corpo

mente e corpoMario è la perfetta immagine del bravo ragazzo. "Non ci ha dato mai preoccupazioni!" dicono sempre i genitori Lara e Antonio. Sembrava non avere mai bisogno di consigli e quando hanno avuto il secondo figlio tutte le attenzioni sono state spostate su di lui. Luigi, il piccolo Luigi, un bambino più irrequieto, più fragile e invece Mario sa cavarsela da solo. Tutto andava a gonfie vele. Mario non si lamentava mai per questo eccesso di attenzioni dei genitori verso Luigi. Nonostante lo trascuravano quasi sempre per stare dietro al fratellino più piccolo, tutto sembrava andare per il meglio. Mario addirittura aiutava i genitori, rinunciava ai suoi giochi preferiti per badare a Luigi e dare una mano in famiglia. Tutto è andato a gonfie vele insomma fino a 2 anni fa quando Mario ha avuto la sua prima crisi. Sentiva male al collo, una costante sensazione di nausea, e vomito. Il dolore sarebbe durato da li a poche ore ma nel corso dei mesi e degli anni non è mai riuscito a muoversi dal letto se non dopo 14-16 ore di dolore intenso e nausea continua. Ha fatto il giro d'Italia Mario, psicologi, neurologi, psicoterapetuti: tutti liquidavano la questione etichettando la situazione come psicosomatica. Ma cos'è la psicosomatica e come fare per risolvere questi problemi di così difficile risoluzione? In questo articolo scoprirai come affrontare il tuo disturbo che fin'ora non ha avuto nessuna risoluzione o miglioramento e che molti specialisti hanno classificato come psicosomatico con tua profonda delusione. (altro…)

Neurologia Funzionale: Come puoi risolvere la tua cefalea affrontando il disturbo in maniera diversa

cefalea cure naturaliUna delle tante storie di cefalea: forse assomiglia alla tua?

Alessandro è un giovane rampante, fisico scultoreo, muscoli d'acciaio forza di un maciste. Proiettato verso il futuro a 25 anni sente di avere il mondo nelle mani. Studia ingegneria civile, sta finendo gli studi, frequenta il tirocinio professionale all'Università e ha già tra le mani ben 5 proposte di lavoro. E' uno sportivo, la sua passione è l'equitazione ed ogni volta che partecipa ad una gara del suo sport preferito si piazza sul podio, o primo o secondo, raramente arriva terzo. Insomma una vera promessa in tutti i sensi. Peccato che da qualche mese ha cominciato ad accusare un forte mal di testa. Ha già cominciato il tour di visite ed esami vari tra medici di base e neurologi, non gli pare vero, si sente un cavallo in corsa abbattuto da un filo spinato teso all'altezza delle zampe. Questa situazione lo sta facendo crollare. Non si sa che tipo di cefalea sia: alcuni neurologi gli hanno detto che è una cefalea con aura, altri che è a grappolo e altri che è un mal di testa muscolo-tensivo. A lui queste classificazioni non servono, quello che cerca Alessandro è un aiuto concreto che gli permetta in breve tempo di ri-acquisire tutto il suo potere, perchè da mesi non vede l'uscita di questo tunnel buio e gli sembra impossibile che una persona forte e carica come lui all'improvviso si senta imbrigliato in una situazione che non gli da speranza e lo abbatte a tal punto da preoccuparsi di rischiare una depressione. La cosa più curiosa è che quasi contemporaneamente alla comparsa di questo disturbo aveva accusato tempo prima un dolore al ginocchio continuo e sordo sul lato posteriore. Ha intuito fin da subito che i due sintomi potessero essere in qualche modo correlati e ne era convinto ma nessuno dei vari medici che lo aveva visitato dava credito a questa ipotesi. Fino a che un bel giorno inciampò per caso nella soluzione che gli avrebbe permesso di abbandonare i pesanti medicinali che da mesi prendeva con scarsi risultati e con un pesante impatto sulla sua forza fisica e sulla sua vitalità. Continua a leggere se vuoi sapere che cosa ha scoperto. (altro…)